Recensioni, presentazioni, varie

“La felicità è muta” ovvero della poesia, del suo mistero, del suo esserci sempre

19 aprile 2018
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Avola, 11 aprile 2018 – Un incontro tra sodali, alla presenza di un pubblico ristretto e attento, in tutto una quarantina di anime che si sono scelte per comunanza di sentire, nella sala conferenze della “Giuseppe Bianca” di Avola.

 Felicità di condividere con ognuna di queste amicizie e belle conoscenze parole e vita, sogni e realtà, disillusioni e dorati miraggi, e tante idealità vergate sulla carta, di quelle che ristorano e spronano al domani, perché la prassi poetica è, per sua intima natura, tensione multiversa e reductio ad unum, amore e svolta.

La poesia, quale scelta ammirevole di coraggio – come ribadito dall’Editore Alfio Grasso –  in una società sempre più marcata dal superficiale consumo di notizie, beni di lusso, tecnologie a iosa, senza lasciarsi scalfire dalla savia e leggiadra profondità che i classici ci hanno donato, da diffondere invece a guisa di potente antidoto contro la cecità e l’indifferenza imperanti.

Salvifico l’appellarsi sempre a questa lezione dell’antichità, dove classico è, per me, sinonimo di sempreverde e attuale, così il confine tra il bene e il male, il vero e il falso, il turpe e l’umano si rivela nel non violare l’essenza del divino, qualunque essa sia, e a qualunque credo corrisponda, in ognuno di noi.

Ben venga, allora, il verbo poetico a squarciare dei suoi bagliori la nostra strada, l’orizzonte brunito di tempesta e la corsa nel vento, tramutando memorie e ansia di vita in uno slancio generoso verso l’altro.

 

P. L.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Ti potrebbe interessare

Ancora nessun commento

Cosa ne pensi?